giovedì 8 marzo 2018

MAMMA

Con le tue braccia di luce mamma
odore candore
Con i tuoi occhi d'amore mamma
sapore profumo
Col tuo viso tenero sicuro  forte  più dolce mamma
Con gioia e passione
mani d'oro e d'argento
cuore forte richiamo notte poi mattino
caffè  risveglio mamma
Una sola carezza ancora ancora
le prime luci una lacrima
pensiero di vita un bacio una sola parola 
mamma.







D.Caviglia

venerdì 2 marzo 2018

H.HESSE






OCCHI


Sono gli occhi
che guardano in lontananza
nell'immenso spazio
all'orizzonte
dove solo l'azzurro ricopre
il canto dei pensieri
e le voci ancora
nel cuore sento
e sono gli occhi
lacrime
in un soffio d'aria 
di vento
sento
si perdono
nel mare volteggiano
danzano
di gioia di vita
restano
e sono gli occhi
che guardano in lontananza
nel freddo 
il mattino
inverno
lacrime
dei miei pensieri
e nel vento
oggi mi vedo.

                                            D.Caviglia


VITA



Come dire grande amore
vita scorre dolce viso sentire nell'anima
il mio cuore il tuo cuore
Carezza mattutina baci forte sento
Amore dolore forte in petto
Ti prego torna
apri ancora le tue ali
vivi ancora intensamente
Gioia amore nel mio petto
forza vita gioia mia
per la mano 
ti sollevo
Dormi ancora che al risveglio
mattino sole e vita nuova
sento dentro
grande amore vita mia
nel mio petto  c'è.



D.Caviglia







ROSALIA


Dolce tenerezza mia come ti vedo
all'improvviso dolce rosa d'inverno
come una lacrima addosso
luce spazio tempo
e l'arrivo della sera tendo ancora la mia mano
con un tiepido saluto che nel cuore mi riecheggia
e in questi giorni di puro candore
ancora rosa d'inverno resti
impressa come luce
sulla candida neve l'immagine tua riflette
e una fine lacrima d'amore  colgo 
sul mio viso freddo caldo sento 
e un pensiero vola alto nel bagliore  del mattino.



D.Caviglia

domenica 29 maggio 2016

O.Wilde



Io Sole



Cosi' la vidi passare
in veste bianca
proprio come una sposa
La guardai e mi sorrise
ne fui emozionato,ammaliato
rapito da tale  bellezza,grazia,leggiadria
Dal primo passo ad ora
si conduceva verso l'altare
per il nuovo cammino
fuori dall 'oscurita'
Pareva una luna di giorno
e cercando di sorriderle
Io Sole
speravo notasse
quei raggi di puro splendore,calore
che avvolgevano il fatidico giorno
E nel silenzio della mia unica lacrima
mi convincevo nel mio silenzio
di quel triste e lungo addio..


                                                                D.Caviglia